Quando si parla di carbossiterapia si fa riferimento alla somministrazione sottocutanea, tramite piccole iniezioni con ago sottile, di anidride carbonica a scopo terapeutico. Questo trattamento agisce sul grasso riattivando il metabolismo cellulare e gli enzimi capaci di sciogliere e riassorbire i grassi e agisce anche sulla circolazione sanguigna, aumentando la velocità del flusso ematico e l’apertura dei capillari. Questo consente una migliore ossigenazione dei tessuti e facilita il drenaggio dei liquidi. Infine la carbossiterapia agisce sulla cute in quanto l’aumento del flusso sanguigno e l’ossigenazione dei tessuti riescono a migliorare l’aspetto della pelle che si mantiene luminosa e tonica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *