La Sensibilità Chimica Multipla, questo è il suo vero nome, è caratterizzata per una serie di sintomi e manifestazioni differenti da persona a persona che spesso vengono mal interpretati e rendono difficile la diagnosi da parte dei medici. È una sindrome immuno-tossica infiammatoria di intolleranza ambientale totale alle sostanze chimiche.
sensibilita-chimica-multipla, mcs, genetica, dermatologia, centro medico debora sciuto, san giovanni la punta, catania
L’ambiente in cui viviamo è ormai compromesso dall’inquinamento e dalla presenza di sostanze chimiche che in quantità eccessive farebbero ammalare chiunque, le persone chimicamente sensibili, però, risentono dell’esposizione a queste sostanze anche in piccolissime quantità. Parliamo di prodotti di uso comune come i profumi, i detersivi per la casa o la lavanderia, vernici, pesticidi o fumo di tabacco, insomma prodotti con i quali si viene in contatto quotidianamente e che troviamo negli abiti che indossiamo, nel cibo che mangiamo o nell’aria che respiriamo.
La MCS è una malattia debilitante che colpisce gli individui di tutte le età, razze e ceti sociali, con forme più o meno gravi ma che nonostante ciò non è ancora ben riconosciuta come tale nel nostro Paese.

SINTOMI E MANIFESTAZIONI

La Sensibilità Multipla Chimica presenta, nei primi stadi della malattia, sintomi simili all’allergia come rush cutanei, rossore, gonfiore agli occhi i quali si acutizzano e cronicizzano interessando organi interni, sistema nervoso e immunitario.

STADIO O – TOLLERANZA -: questo stadio rappresenta l’abilità di una persona di sopportare l’ambiente chimico circostante.

STADIO  1  –  SENSIBILIZZAZIONE -: o fase irritante che si verifica quando una persona è sottoposta ad una esposizione chimica acuta ad alte dosi o ad una esposizione cronica insidiosa. I disturbi possono essere vari: cefalea, prurito, affaticamento, nausea, tachicardia, asma, insufficiente circolazione periferica, ecc.

STADIO 2 – INFIAMMAZIONE -: l’esposizione chimica determina una infiammazione cronica dei tessuti, come ad esempio artriti, vasculiti, dermatiti, asma, coliti, miositi, riniti, circolazione periferica molto problematica. A questo punto se non si è ancora verificato un danno tissutale, il processo può ancora essere invertito con l’evitamento chimico e specifiche cure di disintossicazione.

STADIO 3 – DETERIORAMENTO –: l’infiammazione cronica causata dall’esposizione chimica produce danni del tessuto, come lesioni al sistema nervoso centrale, al rene, al fegato, al polmone, al sistema immunitario, ecc.

Spesso, come accennato prima, la MCS viene confusa con altre malattie lievi piuttosto che con nevrosi, stress o ansia che portano la persona a chiudersi in sé e isolarsi dalla società. Oggi esistono numerosi gruppi, associazioni e comitati (www.oltrelamcs.org) ai quali ci si può rivolgere per condividere le proprie esperienze e conoscenze. Lo scopo è migliorare la qualità della vita dei malati di MCS e diffondere la conoscenza della patologia al fine preventivo. Intercettare in tempo questa malattia consente di riportare il paziente ad uno stato di salute iniziale consentendo di vivere in maniera quanto più normale è possibile.
Presso il Centro Medico è possibile rivolgere le proprie domande alla nostra specialista di genetica medica e comprendere le mille sfaccettature della MCS.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *