L’Osteopatia Pediatrica utilizza trattamenti delicati, sicuri ed efficaci, adatti a tutte le fasi di crescita del bambino.

L’approccio osteopatico è naturale non invasivo e privo di effetti collaterali.

Attraverso il trattamento, l’Osteopata favorisce il meccanismo intrinseco del corpo di autoguarigione al fine di alleviare traumi e disturbi presenti nel bambino fin dalla nascita.

Rappresenta infatti un valido e prezioso intervento in disturbi ricorrenti quali:

  • problemi respiratori (asma, allergie, infezioni alle vie respiratorie)
  • rigurgiti
  • iperattività
  • difficoltà di suzione
  • tono muscolare anormale
  • disturbi digestivi
  • otiti, riniti e faringiti
  • scoliosi, problemi posturali e loro conseguenze
  • disturbi del sonno
  • disturbi dell’apparato gastro-enterico (stipsi, rigurgiti neonatali, reflusso)
  • ritardo nello sviluppo fisico e intellettuale
  • problemi urinari
  • disturbi comportamentali e difficoltà nell’apprendimento

A tutti i genitori, a scopo preventivo ed eventualmente curativo, è suggerito un primo controllo osteopatico già subito dopo la nascita. Con valutazioni regolari durante tutta l’età evolutiva, è possibile poi diagnosticare precocemente eventuali problemi fisici e correggerli, evitando l’instaurarsi di patologie più importanti con la crescita. Il maggior impegno e obiettivo dell’Osteopatia pediatrica è proprio il mantenimento della salute e la prevenzione dell’insorgere di disordini energetici o di malattie. Accompagnando la loro crescita sarebbe indicato far ricevere ai bambini trattamenti osteopatici ad intervalli regolari, per favorire il loro potenziale di salute e sviluppo. Anche il neonato sano e forte, che ha appena affrontato la “fatica” della nascita, può trarre grande benefico da qualche trattamento.

                                                                                                                                                                                                                                                                                            Redatto dal Dr. Gianfranco Caputi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *